Partita IVA Regime dei Minimi

Sempre più giovani si rivolgono all’imprenditoria giovanile ed il primo dubbio è: Ho una buona idea, non ho troppi soldi, come faccio come faccio a chiedere la partita IVA nel Regime dei Minimi? La seconda domanda è quanto mi costerà la gestione dei minimi?

Ecco tutti i costi che dovrai affrontare:

Il cosìdetto Regime dei Minimi più correttamente definito Regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile consente alla persona che si affaccia al mondo imprenditoriale o della consulenza di adottare un regime contabile semplificatissimo con una gestione assolutamente semplice. L’altro vantaggio è quello di essere assoggettati ad un’imposta sostitutiva pari al 5% del reddito prodotto (ricavi – costi).

Gli altri oneri che andranno ad incidere sul reddito sono i contributi INPS che possono essere fissi o proporzionati al reddito secondo il regime contributivo e l’INAIL per i soggetti artigiani.

L’INPS è dovuta sempre a meno che non si sia già dipendenti a tempo pieno oppure già iscritti ad altre casse di previdenza. Nel caso del consulente l’INPS per la gestione separata è sempre dovuta ma in proporzione al reddito. Se si pagano già contributi l’aliquota sarà però in quest’ultimo caso inferiore. Sia per il commerciante che per l’artigiano si dovranno pagare contributi fizzi indipendentemente dal redddito che si andrà ad avere. Esiste un minimo contributivo per il 2014 pari ad euro 15.516,00.

L’INPS sarà quindi pari a:

DESCRIZIONE ATTIVITA'CONTRIBUTI FISSICONTRIBUTI A PERCENTUALE
Consulente libero professionista senza cassa di previdenza--27,72%

Consulente libero professionista con altra copertura previdenziale
--22,00%
Commerciante, procacciatore d'affari, agente di commercio 3.465,9622,29%
Artigiano3.451,9922,20%

L’inquadramento corretto è fondamentale per ridurre al minimo l’incidenza fiscale per cui non è possibile predisporre degli standard assoluti ma, ogni singolo caso va analizzato da professionisti di esperienza per evitare di trovarsi sorprese l’anno dopo.

ABSV Consulting offre un servizio ad un prezzo assolutamente competitivo che comprende la richiesta della partita IVA Regime dei Minimi, la consulenza per l’inizio dell’attività consigliando gratuitamente il miglior inquadramento, l’eventuale iscrizione al registro delle imprese, al Suap ed agli altri Enti quali INPS, INAIL la gestione contabile e le dichiarazioni dei redditi.

Il servizio completo dei servizi sopraindicati denominato Partita IVA Regime dei Minimi, prevede un incarico con tariffa fissa per i primi due anni e viene offerto alle seguenti condizioni:

SOGGETTOTARIFFA AL NETTO DI IVA
Consulente iscritto solo IVA e INPS Gestione separata220 euro annui
Impresa iscritta IVA, Registro Imprese, INPS 320 euro annui
Impresa Iscritta IVA, Registro Imprese, SUAP, INPS ed INAL400 euro annui

Per un preventivo particolareggiato gratuito o per aderire al servizio usa il form che trovi di seguito:

Nome/Cognome/Denominazione
E-mail:
Telefono:
Città:
Forma giuridica:
Numero Ft. Emesse
Numero Ft. Ricevute
Note:
.

 

FacebookTwitterGoogle+LinkedInEmailCondividi